Skip to main content

Dieta non Dieta

Dieta ti Odio!

Siete stati dal Nutrizionista che vi ha proposto la solita dieta ipocalorica bilanciata con colazione di cereali integrali, un primo e contorno di verdure a pranzo, un secondo e contorno di verdure a cena e una serie di microspuntini con frutta, yogurt e semi oleosi. Vi dovete attrezzare di bilancia per pesare ogni cosa che mangiate, guardare con tristezza quel piatto di pasta risicato e quella fettina di pane trasparente. La sola cosa che sfugge alla pesata sono le verdure delle quali vi ingozzate a forza per avere la sensazione di mangiare qualcosa. Avete dimenticato il sapore del cornetto al bar e di quel meraviglioso tiramisu della nonna. 
I piu testardi, dopo mesi di sacrifici disumani e di camminate quotidiane, hanno finalmente perso quei kg di troppo. Siete felici di aver superato questo supplizio che vi e` costato sforzi inauditi di coraggio e volonta`. Ovviamente  vi ripromettete di non ingrassare mai piu. Sbagliato! dopo alcuni mesi, senza esservene accorti, siete tornati al peso originale, anzi anche qualcosina in piu`.
Guardate con orrore la bilancia, non ne volete sapere di ricominciare tutto da capo... e avete ragione!
La dieta vi fara` dimagrire (se siete tenaci) ma non vi impedira` di recuperare i kg faticosamente persi. 
Il vostro senso di frustrazione non avra` eguali (se vi puo` confortare anche quello del vostro nutrizionista di fiducia). Le "low calories diets" hanno fallito miseramente. Cioe`, funzionano se le seguite alla lettera ma appena vi rilassate un attimo tutto torna come prima.
Non e` un caso che il mondo pulluli di diete di ogni tipo e fattura. Il motivo e` che tutti gli operatori del settore si scervellano per trovare una soluzione a questo infausto destino. Bisogna anche dire che l'industria alimentare rema decisamente contro.
Ma perche` le diete falliscono? I motivi sono svariati. Nell'esecuzione della dieta i pazienti si annoiano a pesare, la prescrizione dietetica fa sentire il paziente un malato, può indurre depressione, è monotona, non è saziante e anzi il piu` delle volte affamante. Vi sono poi motivi fisiologici che rendono tutto piu` complicato. Il corpo dopo un paio di settimane di dieta comincia a pensare che sia arrivata la carestia. Il terrore atavico modifica il nostro metabolismo rallentandolo e razionando le risorse. I consumi energetici vengono ridotti al minimo indispensabile e il grasso (quello malefico di cui ci vogliamo liberare) viene risparmiato religiosamente per far fronte alla terribile carestia della quale non si conosce la durata. Quindi fatichiamo a perdere peso e, dulcis in fundo, perdiamo muscolo ma non grasso. Aaaagh! destino crudele e infausto. In realta` c'e` una logica dietro a questo, una logica vecchia di piu di 100000 anni di stenti e astuzie per riuscire a sopravvivere.
Il nostro corpo non ha ancora capito che negli ultimi cento anni (anche meno) tutto e` cambiato. Oggi, sopratutto nei paesi occidentali, il cibo abbonda, e` supercalorico, ricco di zuccheri, sofisticato, manipolato, pronto all'uso e raccoglibile con facilita` in ogni supermercato, bar, pasticceria, ristorante, ecc. Non dobbiamo piu fare km per raccoglierlo, inseguire la selvaggina o spaccarci la schiena nei campi. E` tutto li in bella mostra pronto per noi. Il cambiamento e` stato troppo repentino per abituare i nostri geni a produrre un metabolismo adeguato al mondo moderno. Sono cambiamenti che richiedono migliaia di anni se non di piu`. Questo cambiamento radicale non riguarda solo il nutrimento ma anche i mezzi di spostamento e il benessere delle nostre abitazioni. Insomma mangiamo di piu`, i cibi sono molto energetici e appetitosi, non ci muoviamo piu` con le nostre gambe e le noste case sono climatizzate evitandoci di soffrire sia freddo che caldo. E` decisamente un cambiamento troppo radicale per essere compensato dal metabolismo. E` davvero pretendere troppo dal nostro povero corpo.
Dunque, non c'e` soluzione? Siamo destinati ad essere obesi e malati? Ni! Cioe`, la soluzione esiste ma consiste in un cambiamento radicale delle nostre abitudini e del nostro stile di vita. Quante volte lo abbiamo sentito dire dagli esperti di nutrizione ma ci siamo sempre concentrati sulla bilancia e sui piani dietetici considerandoli alla stregua di una prescrizione farmacologica. Non c'e` la pillola che guarisce dall'obesita`, come ve lo devo dire! In realta` il consiglio piu` importante, quello del cambiamento delle nostre abitudini, viene sempre ignorato considerandolo impossibile e anacronistico. Sono molti i condizionamenti ambientali, sociali e alimentari che ci limitano. Tuttavia e` piu` semplice di quanto pensiamo, infatti i magri esistono ancora. Non e` un caso che alcuni dicano proprio questo. "Imitate i magri, comportatevi come loro". Esiste un'alternativa percorribile che vi evitera` di dover inseguire i magri per le vie della citta`. La dieta non dieta! Si tratta di una dieta (intesa come "modo di vivere" dal greco "diaita") che non comprende pesature del cibo ne` conteggio delle calorie. Sembra un miraggio ma se avete la forza di convincere il vostro cervello ad adottare alcune abitudini potrete fare a meno del nutrizionista per sempre (a meno che non vogliate andare a trovarlo nella sua catapecchia per condividere i vostri brillanti risultati). In primo luogo non dovete pensare alla dieta, a questa dieta, come una cosa temporanea ma permanente. Secondo tenete bene a mente che, nella perdita di peso, i fattori comportamentali hanno un'influenza maggiore della composizione della dieta.

Procediamo con ordine: vediamo quali sono gli errori piu comuni da evitare.


- Non mangiare senza fame. Mai, mai mai!
- Non abbinare diverse fonti di carboidrati per pasto.
- La cena non deve mai essere il pasto principale della giornata e deve essere povera di carboidrati.
- Evitare di mangiare dopo le ore 20:00 perche` l'insulina di notte trasforma gli zuccheri in grassi.
- Non fare la colazione favorisce il sovrappeso.
- Usare cibi ad indice glicemico troppo elevato favorisce l'iperinsulinemia che presenta molti fattori negativi. Favorisce la formazione di grasso (lipogenesi) diminuendone il consumo (lipolisi), promuove l'insulino-resistenza (fase pre diabetica) ed ha un azione procancerosa.
- Buttate via subito e non tenete mai piu` in casa alimenti ricchi di zuccheri semplici o ad alto grado di lavorazione e sofisticazione come merendine, snacks, caramelle, dolci preconfezionati, ecc. Lontani dalla vista non vi indurranno in tentazione. (Per maggiori dettagli comportamentali leggetevi questo)

Vediamo ora cosa si puo e si deve fare.


- Bilanciate i pasti quotidiani mirando ad una composizione degli alimenti che abbia le seguenti percentuali di carboidrati/grassi/proteine: 55%/30%/15%

- Mangiate la maggior parte degli alimenti nella prima meta` della giornata partendo da una buona colazione.
- Consumate carboidrati in prevalenza a colazione e pranzo limitandoli la sera. Questo serve a consumare l'energia dei carboidrati con l'attivita` quotidiana. Durante la notte, infatti, un eccesso di carboidrati verra` trasformato in grasso.
- Privilegiate cibi a basso indice glicemico ed evitate gli zuccheri semplici contenuti nello zucchero, nei dolci e nelle bevande zuccherate. 


- Usate alimenti a bassa densita energetica, che significa alimenti che abbiano molto volume e poche calorie. Le verdure ne sono un esempio tipico. Mangiare un piatto ricco di vegetali all'inizio di un pasto incrementa l'assunzione di verdure e facilita la perdita di peso.
- Assumete pochi grassi saturi, contenuti negli insaccati, nella carne processata, nella carne rossa (maiale e carne bovina) e in tutti i prodotti di origine animale in genere (esclusi i pesci). Sono da evitare anche i grassi "trans" tipici delle margarine e dei fritti in genere.
- Mangiate cibi ricchi di omega3 come le verdure a foglia verde, la frutta secca a guscio, il pesce.
- Fate largo uso di grassi monoinsaturi come l'olio d'oliva, quello di canola, l'avocado che, tra le altre cose, aiutano a ridurre i lipidi nel sangue e collaborano alla riduzione dell'adiposita addominale.
- Assumete molta fibra (sopratutto quella solubile) che e` contenuta nella verdura e nella frutta. La fibra non e` energetica ma un importante alimento funzionale-metabolico. Serve alla salute del corpo e protegge dall'obesita`.


- Un consumo moderato di latte aiuta a consumare meno cibo. Questo effetto sembrerebbe legato all'azione della vitamina D e del calcio.
- Consumare uno o due bicchieri di vino rosso al giorno nel corso dei pasti aiuta a mantenere il peso oltre ad apportare polifenoli (antiossidanti) contenuti anche in tutta la frutta rossa, nelle melanzane, olive, semi di lino, cacao, cioccolato fondente, te verde, ecc.
- Il caffe` (senza eccessi), anch'esso ricco di polifenoli, sembra avere un'azione limitante dello sviluppo dell'obesita e del diabete.
- Bere acqua, sopratutto prima dei pasti, genera un effetto saziante. L'acqua e' un elemento importante della dieta e va bevuta nella misura di almeno 1.5 L. al giorno.
- A tavola prendete il vostro tempo. Mangiate lentamente cercando di far durare il pasto almeno mezz'ora perche` il cervello se la prende comoda per dirvi che siete sazi.
- Non mangiate da soli, e` triste e anche il vostro apparato digerente se ne accorge. Favorite la convivialita`, cercate di trasformare il pasto in un momento di godimento assaporando le pietanze e scherzando con i vostri cari.
- Cercate di mangiare a casa il piu spesso possibile.
- Fate un digiuno di 18 ore una volta a settimana. Significa saltare la cena. Dopo il pranzo digiunate fino alla colazione del giorno dopo. Non serve a perdere chissa quanto peso ma aiuta il metabolismo e fa riposare il corpo.

Il tutto deve essere accompagnato da attivita` fisica quotidiana. L'uomo e` un camminatore e per 100000 anni non ha fatto altro. Se riuscite a fare almeno 10000 passi al giorno potete ritenervi soddisfatti. Non sapete come fare? Cogliete ogni occasione per camminare. Parcheggiate lontano, prendete le scale, portate a spasso il cane, passeggiate mano nella mano con il vostro partner... insomma sfruttate tutto lo sfruttabile per fare quegli agognati due passi.

La piramide alimentare della dieta mediterranea contiene gia` gran parte di questi accorgimenti che possiamo riassumere in questo modo:

Mangiate legumi 3 volte a settimana
porzione di verdura sia a pranzo che a cena
consumo di cereali integrali
mangiare frutta negli spuntini inclusa quella secca a guscio
mangiare insalata e vegetali all'inizio dei pasti
Favorire le carni bianche e il pesce
Fare largo uso d'olio d'oliva
Un bicchiere di vino a pasto
Seguite la piramide alimentare qui sotto.


Visto? non ho messo alcuna pesatura. Questo tipo di abitudini, lo stile di vita appunto, vi portera` nel tempo ad un peso forma ideale senza bisogno di pesare gli alimenti o soffrire la fame. Vi potrete addirittura concedere qualche dolce qua` e la` senza quei terribili sensi di colpa. Infatti una piccola trasgressione ogni tanto fa bene sia alla mente che al corpo.
Non vi ho convinto? Non ci credete? Lo so e` sempre cosi con tutti. Durante la visita non ascoltano mai questa parte concentrandosi invece su quel foglio di carta pieno di grammature e sacrifici. Almeno questa volta datemi retta, provateci! Se lo farete con passione e onesta`nel giro di qualche mese vedrete i risultati. Cambiare si puo`, basta deciderlo! :)

Nutrition Posts

La Rivoluzione Alimentare

Mentre mi dibatto tra le spire del drago divoratore di umani ribelli il suono irritante e salvifico della sveglia mi riporta nella quotidianità del risveglio. Sono stordito, impaurito. Mi divincolo dalle ultime spire del sonno mentre la luce dell’alba mi riporta ai doveri della vita. Comincio a pensare alle cose da fare, alle preoccupazioni senza soluzioni. Vorrei dormire ma l’insistenza dei miei pensieri non concede spazio all’oblio. Mi alzo per liberarmi dalla morsa della realtà che, con le sue assurde divagazioni, ha sostituito quella delle ombre. Metto la caffettiera sul fuoco, frugo nello scaffale e tiro fuori un pacco di biscotti con glassa e pezzettini di cioccolata. La vita comincia a prendere forma, la casa si anima di rumori.
Il caffè amaro manda via gli ultimi fumi del sonno. La tavola si riempie di confezioni colorate. Cereali, biscotti, yogurt, qualche merendina, quei panini morbidi imbustati uno per uno che piacciono tanto ai bambini specialmente con la marmellata di frag…

La Dieta che mima il digiuno

L'uomo, nel corso della sua storia, ha avuto spesso a che fare con il digiuno. Nella preistoria e nell'antichita` si verificavano frequentemente carenze alimentari per periodi piu o meno lunghi dovuti alla minore disponibilita` e difficolta` di conservazione del cibo. Il metabolismo dell'uomo si e` sviluppato con questo tipo di abitudine alimentare tanto che molti dei problemi di sovrappeso e obesita` di oggi sono dovuti ai meccanismi di preservazione delle risorse energetiche messe in atto dal nostro corpo. Questi meccanismi, che ci permettevano di resistere anche alle carestie, sono proprio quelli che rendono difficile la perdita di peso (e sopratutto della massa grassa) nelle persone che affrontano una dieta ipocalorica. Infatti, quando il corpo e` soggetto ad una restrizione alimentare di una certa durata mette in atto tutta una serie di meccanismi che riducono al minimo i consumi (allarme carestia). Il muscolo viene utilizzato come fonte di calorie intaccando solo in m…