Skip to main content

NuSF progetto pan per tutti

# PAN PER TUTTI



Nutrizionisti Senza Frontiere, associazione ONLUS per la promozione al DIRITTO ALLA NUTRIZIONE e per la lotta alla MALNUTRIZIONE INFANTILE sta promuovendo un importante progetto rivolto a tutte le persone meno abbienti o in difficoltà economica.

"Pan Per Tutti" questo è il nome dell’iniziativa, vorrebbe poter essere una possibilità per le persone che non sono in grado di provvedere economicamente a sé stessi ed alle proprie famiglie, nonché uno strumento di riduzione degli sprechi alimentari.

Il progetto coinvolge panifici, pizzerie al taglio, supermercati e rosticcerie. Aderire al progetto significa offrire l’invenduto gratuitamente, tutte le sere prima della chiusura, alle persone che si presentano presso l’esercizio mostrando la tesserina di Nutrizionisti senza Frontiere. Le tesserine verranno distribuite dalla nostra associazione e da altri enti accreditati come ad esempio la Caritas, previa attenta verifica dei requisiti.


Grazie per averci dedicato qualche minuto per leggere questa presentazione. Se siete interessati a far parte di questo circuito contattatemi o scrivete alla sede nazionale di Nutrizionisti Senza Frontiere . Una volta aderito al progetto Vi forniremo la locandina da appendere in vetrina in modo che tutti gli utenti sappiano che il Vostro negozio ha aderito al progetto.

Alessandro Mastrogiacomo
Rappresentante provinciale di Nutrizionisti Senza Frontiere (Latina e Frosinone).

Veronica Madonna
Presidente Nutrizionisti Senza Frontiere

Comments

Nutrition Posts

Il margine irrazionale della dieta

Una ricerca mostra come l'ambiente circostante possa influenzare le nostre abitudini alimentari. Dei semplici accorgimenti pratici possono farci dimagrire di circa mezzo kg al mese senza dieta o palestra e sopratutto senza che ce ne rendiamo conto.
Nella società occidentale sembra esserci un'epidemia di obesità: Perché?  Non dipende solo dal fatto che mangiamo male o dalla cronica mancanza d'esercizio. La ricerca indica schiettamente, o spietatamente, che mangiamo troppo. In un arco di tempo di 20 anni, da metà degli anni 70 e a metà degli anni 90, il consumo quotidiano di cibo è aumentato mediamente di 268 kcal per gli uomini e 143 kcal per le donne. Viceversa, l'energia consumata nell'attività quotidiana è rimasta mediamente la stessa. Questa differenza è di per se esplicativa del perché vi sia stato un incremento medio dell'obesità. La cosa è piuttosto seccante.
La buona notizia è che esiste un modo per correggere questa brutta tendenza. Il metodo in questione n…

La Dieta che mima il digiuno

L'uomo, nel corso della sua storia, ha avuto spesso a che fare con il digiuno. Nella preistoria e nell'antichita` si verificavano frequentemente carenze alimentari per periodi piu o meno lunghi dovuti alla minore disponibilita` e difficolta` di conservazione del cibo. Il metabolismo dell'uomo si e` sviluppato con questo tipo di abitudine alimentare tanto che molti dei problemi di sovrappeso e obesita` di oggi sono dovuti ai meccanismi di preservazione delle risorse energetiche messe in atto dal nostro corpo. Questi meccanismi, che ci permettevano di resistere anche alle carestie, sono proprio quelli che rendono difficile la perdita di peso (e sopratutto della massa grassa) nelle persone che affrontano una dieta ipocalorica. Infatti, quando il corpo e` soggetto ad una restrizione alimentare di una certa durata mette in atto tutta una serie di meccanismi che riducono al minimo i consumi (allarme carestia). Il muscolo viene utilizzato come fonte di calorie intaccando solo in m…

Il diabete di tipo 3

Ci sono sempre più elementi che accomunano l'Alzheimer a una nuova forma di diabete, il tipo 3, che si aggiunge a quelle più note di tipo 1 e 2. Queste scoperte fanno riflettere sulla necessità di modificare la produzione e distribuzione degli alimenti in un mondo globalizzato e troppo industrializzato.
Se mai ci fosse bisogno di una nuova ragione per eliminare i kg di troppo ebbene sembra essere proprio questo il caso.  Nuovi studi indicano che esiste una nuova forma di diabete: il tipo 3, altresì conosciuto come Alzheimer. Le due forme più note di diabete, il tipo 1 e 2, si distinguono l'una dall'altra per il fatto che con il primo generalmente ci si nasce mentre il secondo si acquisisce per una serie di fattori tra i quali assume grande importanza l'eccesso di grasso, in particolare quello addominale (per un approfondimento si veda il mio articolo su questo Blog).
Che l'Alzheimer potesse essere un terzo tipo di diabete è un idea nata nel 2005, ma la correlazione tra…